Shadowban Instagram: cos’è e come rimuoverlo in 7 modi

shadowban-instagram

Lo shadowban di Instagram sta facendo impazzire milioni di utente, a causa della sua capacità di ridurre l’engagement di tutti i profili.

Se hai letto la mia guida su come eliminare i ghost followers, hai capito che spesso potrebbe non essere colpa tua se il tasso di interazione diminuisce continuamente.

L’avvento dei bot su Instagram ha determinato un ammontare elevato di attività artificiose e poco “nobili”. Lo shadowban è frutto anche di tutto ciò.

Vediamo insieme come rimuovere lo shadowban su Instagram e far tornare il tuo profilo attivo e pronto per essere riutilizzato.

Shadowban Instagram: cos’è?

A partire da Giugno del 2016, Instagram ha introdotto un nuovo algoritmo e alcuni account hanno da subito sofferto di una riduzione corposa del proprio engagement.

Questo non significa che se il tuo tasso di interazione sta diminuendo, tu sia entrato in shadowban. Però è opportuno verificare lo stato di salute del tuo profilo con i giusti mezzi.

Ma cos’è lo shadowban? Per shadowban di Instagram si intende il blocco dell’utente da parte della piattaforma in maniera tale che lui non si accorga di nulla.

Nel caso di Instagram, si basa sul nascondere i tuoi post agli utenti che ancora non ti seguono. Puoi ben capire che tipo di tragedia sia questa!

shadowban-instagram

Nonostante tu abbia trovato i migliori hashtag, essi non svolgeranno i loro compito di portare traffico al tuo contenuto. Minore traffico, minore engagement. 

Quali sono le cause di Shadowban?

Instagram non ha spiegato ancora a cosa sia dovuto il fenomeno dello shadowban, ma possiamo fare alcune ipotesi per capire se siamo stati affetti dal tristemente famoso blocco:

  1. Usare software che abbiano violato i Termini di Servizio di Instagram: come dicevo all’inizio dell’articolo, un utilizzo scorretto dei bot può portare risultati negativi anche se non sei in prima persona a sfruttarli. Fake followers, siti di programmazione di post (alcuni..), commenti e mi piace falsi, potrebbero essere causa dello shadowban;
  2. Superare i limiti giornalieri e orari di attività: pochi sono a conoscenza del fatto che c’è un numero massimo di attività da poter fare in un determinato intervallo di tempo. Superato il limite, potresti incorrere in un ban temporaneo. Il limite varia da account ad account ed è più restrittivo su profili appena aperti;
  3. Utilizzare un hashtag rotto: Instagram può monitorare gli hashtag e rendersi conto che alcuni di questi potrebbero essere usati in associazione a materiali di spam, nudità o razzisti. Utilizzare uno di questi hashtag impedisce al tuo account di essere visto dagli altri utenti e di infettare gli altri “buoni” che utilizzi.

Come capire di essere sotto shadowban?

Per capire se il tuo account è vittima di shadowban chiedi a 4-5 utenti che non ti seguono (puoi anche chiedere ad amici di non seguirti più temporaneamente) di controllare se il tuo post è presente in uno specifico hashtag.

Utilizza un hashtag con poche condivisioni per capire immediatamente se il tuo contenuto è nascosto o meno.

Se nessuno può vedere il tuo post, potresti essere sotto shadowban. Se, invece, solo alcuni utenti non vedono il tuo contenuto, allora potrebbe essere semplicemente diminuito l’engagement del tuo account.

shadowban-instagram

In alternativa, hai a disposizione alcuni software che aiutano a capire lo stato di salute del tuo account.

Il mio consiglio è quello di utilizzarli in maniera intelligente perché alcuni siti che richiedono le credenziali, potrebbero rubare i dati di accesso del tuo account.

Come rimuovere lo Shadowban di Instagram?

Ecco alcuni comportamenti da adottare che aiuteranno a rimuovere lo shadowban di Instagram dal tuo profilo:

  1. Riduci la tua attività: prova a pubblicare ed interagire i minimo possibile. La durata dello shadowban potrebbe essere di 3 giorni, oppure di 2 settimana. La riduzione dell’attività potrebbe essere vista come un’intenzione di ripristinare il tuo account e Instagram dovrebbe premiarti;
  2. Elimina gli hashtag da un post recente: l’utilizzo di hashtag rotti infetta anche gli altri che stai utilizzando. Questo trucco ha aiutato molte persone a rimuovere lo shadowban. Inoltre, modificando gli hashtag farai capire a Instagram che sei un profilo autentico e non frutto dell’attività di un bot;
  3. Posiziona gli hashtag nella descrizione: utilizza il “trattino” per inserire gli hashtag nella descrizione, mantenendo il tuo post pulito.
  4. Non esagerare con gli hashtag: se il limite di hashtag è 30, perché non utilizzarli tutti? Tuttavia, alcuni utenti hanno risolto il problema rimuovendo gli hashtag da vecchi post, utilizzandoli nella descrizione e inserendone meno di 30;
  5. Contatta Instagram: il metodo più efficace è quello di contattare l’assistenza di Instagram e rendere noto il problema di cui stai soffrendo. Per farlo vai in “Impostazioni” e seleziona “Segnala un problema”. In alternativa, manda un messaggio alla pagina ufficiale di Instagram oppure invia una email a support@instagram.com;
  6. Non passare ad un account aziendale;
  7. Torna ad un account personale;

Instagram sta dando la sua personale lotta alle pratiche illecite all’interno della sua piattaforma e probabilmente è solo l’inizio.

La scelta migliore è quella di crescere organicamente oppure decidere di sponsorizzare i tuoi contenuti. Un account impostato correttamente, con un buon impatto visivo farà il resto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *